Giovedì 16 luglio torna Montagnola Republic, la rassegna estiva organizzata da Arci Bologna in collaborazione con il Circolo Binario 69. 

Non poteva mancare, nella geografia degli eventi dell’estate culturale bolognese, un grande classico come quello della rassegna estiva organizzata da Arci Bologna nel Parco della Montagnola.

Una manifestazione che quest’anno arriva in ritardo per cause note, ma che riprende con la consueta voglia di far divertire e rilassare il pubblico a suon di musica: questo è lo spirito che contraddistingue “Montagnola Republic”, l’autoproclamata Repubblica fondata sulla cultura e sul divertimento, un Festival che fa parte di Bologna Estate 2020, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Destinazione Turistica.

La programmazione musicale è curata, per il terzo anno consecutivo, dal Circolo Arci Binario 69 che oltre alla musica si occuperà anche della parte bar e ristoro. Media partner della rassegna Radio Città Fujiko 103.1 e la rivista Zero Bologna.

Montagnola Republic sarà aperta tutti i giorni, dalle 16.00 alle 01.00, fino a fine settembre. Gli eventi saranno a ingresso gratuito fino a esaurimento della capienza e nel rispetto delle misure e dei protocolli di contrasto al Covid-19.

Una piccola anteprima della proposta culturale si terrà mercoledì 15, alle 19.00, con il dibattito “Lavorare meno, Lavorare Tutt*, Lavorare Meglio” organizzato dalla Fiom-Cgil Bologna e ospitato da Montagnola Republic. Interverranno: Michele Bulgarelli (Segretario Generale Fiom-Cgil Bologna); Giorgio Maran (autore di “Il tempo non è denaro”) Matteo Lepore (Assessore Cultura Comune di Bologna); Tania Scacchetti (Segreteria Cgil Nazionale) Elly Schlein (Vice-Presidente Regione Emilia-Romagna).

Due le aree allestite da Montagnola Republic nel Parco e che saranno opportunamente sorvegliate per rispondere ai protocolli di contrasto all’emergenza Covid: un’area spettacolo e concerti, che sorgerà dove tradizionalmente si è sempre svolta la manifestazione; e un’area bar e ristoro che invece prenderà posto di fianco alla Tensostruttura del Parco.

Ma allestimenti e precauzioni a parte, la conferma è che anche quest’anno Montagnola Republic propone un calendario di concerti gratuiti e di altissima qualità: si comincia giovedì, alle ore 21, con il live di Fabrizio Puglisi (tastiere, Synth Arp) e Kalifa Kone, due musicisti che si incontrano in un territorio musicale che incrocia la musica tradizionale del Mali e dell’Africa centro-occidentale con il jazz, l’improvvisazione e la sperimentazione timbrica.

Venerdì 17 segnaliamo anche il live dell’Orquesta Cholo, la formazione composta dai musicisti del Fawda Trio, dei Mop Mop, e dei Mixtapers, una mezcla di Latin west coast, con inevitabili influenze jazz e funk.

Altro appuntamento imperdibile quello del 24 Luglio con il live dei The Wintsons, la formazione rock dell’istrionico polistrumentista Enrico Grabrielli, membro e fondatore di alcune delle band più interessanti della scena artistica italiana degli ultimi 20 anni (dai Calibro 35 ai Mariposa, per non contare le collaborazioni con Pj Harvey, Nada, Baustelle, A Toys Orchestra).

Sarà poi la volta dei Collisions, il 23 luglio, un’utopia cibernetica divenuta realtà nel 2010, quando alla tecnologia interattiva per musica elettronica creata da Leonello Tarabella (sassofonista, ma da tempo immerso nel mondo del gear in digitale), si è affiancato il drumming vivo e pulsante di Alessandro Baris (musicista attivo in Italia ed all’estero con L’Altra, Lisa Papineau,The Somnambulist, C’Mon Tigre, Young Boy, Gold Mass, Comfort, Kiddycar, Caboto e Pulseprogramming).

Il live degli Ooopopoiooo arriverà nella Repubblica della Montagnola il 30 Luglio. Musica surreale e dadaista per theremin, voci e cianfrusaglie elettroacustiche, la formazione nasce nel 2012 dall’incontro ravvicinato tra due bizzarri personaggi: Vincenzo Vasi e Valeria Sturba.

Doppio appuntamento con il Jazz a fine agosto con Sam Paglia Trio (Nu-Jazz) il 28 e con Francesca Remigi Quintet il 29. Altra incursione nella sperimentazione e nell’incrocio dei linguaggi il 30 Agosto con il concerto disegnato “Quando Tutto diventò blu”, progetto di Alessandro Baronciani (fumettista, illustratore) e Corrado Nuccini (Giardini di Mirò, Direttore Artistico Ferrara Sotto le Stelle). Un concerto che fa parte del concept festival Suner promosso da Arci Emilia-Romagna con il contributo della Regione Emilia-Romagna.

A Settembre, invece, Montagnola Republic ospiterà i seguenti live: gli Orange Combutta (5 settembre); gli Electric Circus (11 Settembre); i TUN (Torino Underground Noise, 12 Settembre); Pasquale Mirra + Gianluca Putrella (17 Settembre); Gli Avvoltoi ( 18 Settembre); Indianizer (19 Settembre); Rumba De Bodas (25 Settembre); Panaemiliana (26 Settembre).

Montagnola Republic, inoltre, ospiterà a Settembre il Festival “Visioni a Catena” organizzato da Dynamo – La Velostazione: un festival multidisciplinare di 2 giorni, tra cinema, fotografia e arte ispirati al mondo della bicicletta, al suo valore estetico, comunitario, ecologico. La rassegna si terrà il 16 e 17 Settembre e aprirà e chiuderà il programma di Bologna Bike City, la settimana dedicata agli eventi, le persone e i luoghi che muovono Bologna.

A Settembre, infine, sono in cantiere altre sorprese che verranno annunciate nelle prossime settimane dalla Repubblica della Montagnola.

Per info:
FB Montagnola Bologna

Foto di Margherita Caprilli.